Visitare Tel Aviv

Il volto giovane di Israele

Si dice Israele e si pensa alle grandi religioni, alla storia, alla cultura, alle bellezze naturali. Difficilmente vengono in mente la mondanità, l’atmosfera di eterna vacanza, la movida. Ma c’è una città che racchiude tutto questo: è Tel Aviv, letteralmente ‘la collina della primavera’. Ma è molto di più, a cominciare dalle enormi spiagge, attrezzate con palestre a cielo aperto, a misura di grandi e piccini. Sulla splendida ‘Jerusalem Beach’ si inizia alla mattina gustando cocktail di frutta che non hanno euguali al mondo, e si prosegue con le strepitose insalate nei caffè sempre aperti, che la sera diverranno locali con musica dal vivo. Dopo la spiaggia, un giro per Neve Tzedek alla scoperta del quartiere Bauhaus, la cosiddetta ‘Città Bianca’, patrimonio UNESCO, simbolo dello stile architettonico che qui ha avuto uno straordinario sviluppo, oggi rinata soprattutto perché Tel Aviv è universalmente riconosciuta come centro mondiale delle più nuove ed interessanti tendenze del design. È bene ricordare che a due passi da Tel Aviv, ad Holon, sta crescendo straordinariamente uno dei più importanti musei del design del mondo (http://www.visit-tlv.com). La vera scoperta è poi alla sera. D’obbligo una passeggiata per l’antico porto, oggi pieno di locali, ristoranti ed atelier, e un giro tra l’architettura di inizio secolo dell’antica ‘Tachana’, la vecchia stazione che collegava Tel Aviv con Jaffa, oggi uno dei più interessanti interventi di recupero architettonico con edifici che ospitano ristoranti, atelier, centri di design. un mondo magico che al giovedì sera è aperto fino a mezzanotte, ed è aperto anche al sabato (www.hatachana.co).

Tel Aviv è anche importante centro della moda, basti ricordare che nel novembre scorso il ‘fashion week’ ha visto la presenza di stilisti internazionali, padrino dell’evento Roberto Cavalli. Infine, ma non ultima, la gastronomia. Il Porto Vecchio, splendido lungomare in legno oggi cuore della vita pulsante della città, è pieno di locali soprattutto epr giovanissimi. Si gusta il pesce freschissimo da Benny Hadayag: tel 00972- 3-5440518. Si trasorrono simpatiche serate al ‘La Land’ su Gordon Beach fino all’hotel Sheraon (www.lala-land.co.il), dove viene servito l’espresso anche durante Shabbath. I nostalgici della cucina italiana possono fare un salto a Ben Yehuda Street, dove la pizza bianca romana è davero insuperabile. Il locale si chiama: ‘90 Ernesto’ (tel. 00972-3-5273394). Altro ristorante di tendenza in Ha’arba’ Street è Messa restaurant, www.messa.co.il. Infine, presso il quartiere di Neve Tzedek ecco un caffè con gustosi felafel: è ‘Suzanna on the roof’, www.rest.co.il/suzana, fesca terrazza all’ombra di una grande fico. Per una pausa di relax prima di rituffarsi nella magica atmosfera di Tel Aviv.

da quotidiano.net

Pubblicato
Etichettato come Israele

Rispondi