Uragano Sandy Nana Gouvea posa nelle aree devastate

Uragano Sandy, la modella Nana Gouvea posa sulle rovine: polemiche

Ma papà ti manda sola? Non se ne abbia Peter Bogdanovich, ma a vedere che cosa ha combinato la modella brasiliana Nana Gouvea, il titolo del suo film è la prima cosa che viene in mente. Sì, perché questa trentasettenne originaria di Jataí, nello Stato di Goiás, ha pensato (male) di farsi immortalare sulle rovine lasciate a New York dall’uragano Sandy, scatenando l’indignazione della rete, che ha immediatamente risposto a modo suo, ovvero prendendola clamorosamente in giro.

Negli scatti che Nana ha in modo improvvido pubblicato sul proprio profilo Facebook, la si vede infatti mentre si atteggia in pose più o meno artificiose tra alberi abbattuti, macchine distrutte e strade deserte, tutta tesa a mettere in mostra il proprio viso e a far risaltare le forme, inguainata in un vestitino nero, un paio di leggings grigi e con ai piedi stivaletti dal tacco vertiginoso.

Una serie di scatti sospesi tra il ridicolo, il morboso e il cattivo gusto, che ovviamente non sono passati inosservati, provocando la pressoché istantanea reazione del web, che alla modella e al suo discutibile book ha dedicato un contro-servizio su Facebook e su Tumblr con foto(montaggi) che la ritraggono in mezzo a qualsiasi tipo di disastro ed evento tragico, da Piazza Tienanmen, al tunnel dell’Alma con la mercedes di Lady Diana distrutta, all’attentato a Giovanni Paolo II, passando per scene epiche di film com Alive, L’Esorcista e via dicendo.

Ora, neppure alcuni dei ‘tributi’ dedicati a Nana dalla rete possono dirsi di buon gusto, tuttavia veramente ci si chiede come alla modella (e al suo staff) possa essere venuto in mente di utilizzare a fini pubblicitari una tragedia come quella di Sandy. L’interessata ai media brasiliani ha detto: “Amo trascorrere gli uragani con il mio amore (il marito Carlos Keyes, ndr)! E’ molto romantico e oggi voglio aprire una bottiglia di vino” (!), riuscendo a offendere – se possibile – ancora di più le vittime della furia della Frankenstorm e, allo stesso tempo, facendo vergognare i suoi connazionali, che in molti stanno scrivendo sia sulla pagina Facebook ufficiale che su quella dei ‘meme’, Nana Gouvêa em Desastres, per lamentarsi (garbato eufemismo) della sua decisione.

Per ora, in ogni caso, le foto sono ancora tutte al loro posto, nella gallery Hurricane Sandy!!! Furacao Sandy!!!, e non sembra che Anna abbia intenzione di toglierle: del resto, come si dice, “Non importa che se ne parli bene o male, l’importante è che se ne parli” e una simile pubblicità gratis alla modella brasiliana deve essere sembrata una vera e propria manna dal cielo. Sarà, però un altro proverbio dice anche: “Un bel tacer non fu mai scritto”…

da excite.it

Rispondi