Rimini controlli della Finanza 7 negozi su 10 senza scontrini

Rimini, la “Cortina” di Romagna
niente scontrini in 7 negozi su 10
Le Fiamme gialle hanno fatto 73 controlli, riscontrando 50 violazioni da parte dei commercianti per mancata o irregolare emissione dei documenti fiscali. La Finanza proseguirà le ispezioni durante tutta la settimana

Blitz della Guardia di Finanza ieri a Rimini, a caccia di mancati scontrini e ricevute fiscali. Le Fiamme gialle hanno constatato, su 73 controlli, 50 violazioni per mancata o irregolare emissione dei documenti fiscali: vale a dire circa il 70% dei casi setacciati nella serata.

La Gdf – facendo un primo bilancio della giornata, con alcuni controlli ancora in corso – ha spiegato che le verifiche hanno riguardato le molteplici categorie di esercenti che compongono il tessuto economico-commerciale del territorio riminese. Queste irregolarità vanno ad aggiungersi alle 595 violazioni in materia di scontrini e ricevute fiscali già individuate dalla Guardia di Finanza – sul territorio dell’intera Provincia – nei primi 180 giorni dell’anno.

In materia di lotta all’abusivismo e alla vendita di prodotti contraffatti, sono stati eseguiti diversi interventi, che hanno portato al sequestro di circa 600 ‘pezzi’ ed alla denuncia di  2 persone di nazionalità italiana.
Anche in questo caso, i risultati vanno ad aggiungersi ai sequestri di ulteriori 11.443 ‘pezzi’ contraffatti ed alla denuncia di otto persone, già effettuate dalle Fiamme Gialle nei primi sei mesi dell’anno sul territorio dell’intera provincia.

da repubblica.it

Rispondi