Ministero evitate viaggi in Giappone se non necessari

L’ambasciatore Petrone: ”Rintracciato anche il quinto italiano nella zona delle centrali”  L’ambasciatore all’Adnkronos: ”Delle 29 persone residenti nelle 4 prefetture critiche per il terremoto e lo tsunami 19 sono state raggiunte e stanno bene. Per 10 di loro stanno proseguendo le ricerche”. L’ambasciata francese consiglia di allontanarsi dalla regione di Tokyo Continua il lavoro dell’ambasciata d’Italia a Tokyo, impegnata ad avere notizie di tutti i connazionali presenti in Giappone. Oggi l’ambasciata è riuscita a mettersi in contatto anche con l’ultimo dei cinque italiani presenti nella zona delle centrali danneggiate e di cui non si avevano notizie. A spiegarlo all’Adnkronos è stato l’ambasciatore Vincenzo Petrone. Tanti Annunci da consultare Gratis per trovare l’Auto che desideri!auto.corriere.it/Automobili”Delle 29 persone residenti nelle 4 prefetture critiche per il terremoto e lo tsunami – ha spiegato – 19 sono state raggiunte e stanno bene. Per 10 di loro stanno proseguendo le ricerche. La polizia locale ha comunque escluso che cittadini italiani risultino tra i morti e i feriti accertati al momento. Tra le persone che risultavano disperse 5 erano quelle presenti nell’area delle centrali danneggiate. Malgrado le difficoltà siamo riusciti a trovarli”.L’ambasciata di Parigi a Tokyo ha consigliato alla comunità francese nella regione di allontanarsi. “Tenuto conto del rischio di un forte sisma – ha avvisato per e-mail – e dell’incertezza sulla questione nucleare, sembra ragionevole per l’ambasciata di Francia in Giappone consigliare a coloro che non hanno motivi particolari per fermarsi nella regione di Tokyo di allontanarsi dalla regione di Kanto per alcuni giorni”.Il ministero degli Esteri francese, inoltre, ha invitato ad evitare viaggi non essenziali verso il Giappone. “A causa delle conseguenze del terremoto dell’11 marzo i viaggi in Giappone sono sconsigliabili, se non per motivi inderogabili. Si consiglia di rinviarli”, ha detto il ministero.
da Adnkronos.com

Rispondi