L’ora della Terra 2011 Earth Hour

Di Solito il Colosseo viene acceso per festeggiare o richiamare l’attenzione su qualche importante tema che riguarda la nostra società, come il 7 marzo scorso, per  ricordare la violenza sulle donne. Questo atto di accendere qualcosa, fare luce, illuminare, è da sempre un simbolo di progresso civile e maturità collettiva visto che è del buio e delle questioni in penombra che non dobbiamo fidarci.
Oggi però il Colosseo resterà spento, in ossequio all’“Ora della Terra”, come l’ha chiamata il WWF, quei sessanta minuti in cui, in tutto il mondo, a rotazione, edifici pubblici e costruzioni storiche, autorità locali e privati cittadini spegneranno la luce per richiamare l’attenzione sui problemi ambientali del pianeta. Un leader conservatore che della battaglia ambientale ha fatto il suo tratto distintivo, il britannico David Cameron, in un messaggio video apparso su YouTube ha spiegato che “Lo spirito dell’iniziativa è far sì che milioni di persone si uniscano, spegnendo per un’ora la luce, e combattendo così il riscaldamento climatico”.
Ora però non è chiaro in che modo un moderno Paese occidentale possa progredire rinunciando all’elettricità e all’energia che manda avanti i nostri elettrodomestici, se non appunto regredendo, in una malintesa interpretazione del concetto di “sostenibilità ambientale”. Né è chiaro quale benessere sociale possa venire da un blocco, autoimposto, o meglio che ci viene imposto, “moralmente”, dall’alto, dalla politica e dagli opinion leader ambientalisti, del nostro sistema sociale oltre che produttivo. Il fatto, poi, che come scusa rispunti la questione del “riscaldamento climatico” e delle emissioni nocive, rende quei 60 minuti ancora più sospetti, visto che ormai la comunità scientifica si è divisa sul global warming e anche gli esperti del ramo iniziano a confrontarsi con le tesi di coloro i quali, fino all’altro ieri, venivano considerati dei negazionisti.
Cameron non ci aveva convinto già una volta, con la storia di quante volte tiri in bagno lo sciacquone ergo quanto sei bravo come risparmiatore. Non crediamo a quelli che “meno è meglio”. Less is no more, less is a bore. Per cui, a costo di apparire un po’ dispettosi, noi durante l’ora oscura accenderemo le luci, perché così ci sentiamo più al sicuro in casa nostra.

da L’occidentale.it

 

Rispondi