Il Bit 2012 costa troppo e la Val d’Aosta non ci va

Turismo: la Bit costa troppo, la Valle d’Aosta diserta la fiera
La Bit di Milano costa troppo e quindi la Regione Valle d’Aosta, visti i tempi di crisi, ha deciso di ‘snobbare’ l’evento. “Vogliamo provare a fare delle azioni di promozione piu’ mirate. – ha spiegato oggi l’Assessore al Turismo, Aurelio Marguerettaz – I soli costi vivi della nostra presenza alla Bit ammontano a 150 mila euro senza contare i costi di trasferta e della struttura. Inoltre il confronto fra costi e benefici non e’ positivo e in questo momento di crisi dobbiamo optare per altre occasioni promozionali”.

La Regione presentera’ cosi’ la propria offerta il 7 febbraio a Milano quando l’Assessore terra’ una conferenza stampa dedicata ai maggiori eventi invernali della Valle d’Aosta, tra cui la Marcia Gran Paradiso, i campionati mondiali studenteschi, le finali di coppa europa di sci alpino e il Tour du Rutor.

Dal 21 febbraio poi l’Assessorato con la Chambre valdo’taine saranno per tre mesi presso i punti Eataly di Torino, Genova e Bologna con un proprio corner informativo, focalizzato sull¹offerta enogastronomica e di tradizione valdostana. DaL 10 al 13 maggio la promozione valdostana passera’ poi per il Festival del Fitness.

da aostasera.it

Pubblicato
Etichettato come fiere

Rispondi