Carnevale di Rio 2011 prima nottata

Carnevale impazza a Rio de Janeiro
Nel Sambodromo la ‘passarela’ delle dodici scuole di samba più acclamate

Il Carnevale entra nel vivo in Brasile: nel Sambodromo di Rio de Janeiro si ripete il rito del più grande spettacolo del mondo. Un saggio di quello che si potrà vedere ai mondiali di calcio del 2014 e alle Olimpiadi del 2016.

Nella notte hanno sfilato sui 700 metri della ‘passarela’ del Sambodromo disegnato dall’architetto Oscar Niemeyer le dodici scuole di samba del ‘Grupo Especial’, la ‘Serie A’ del Carnevale (ogni anno le tre ultime sono retrocesse in ‘Serie B’, come nel calcio), che si contendono a suon di carri allegorici giganteschi, centinaia di percussionisti e ballerine più o meno famose con addosso solo paillettes l’ambitissimo titolo di “campione del Carnevale”.

Ogni anno le scuole investono fino a quattro milioni di euro, graziosamente forniti dalla mafia delle scommesse clandestine (con le autorità che chiudono non uno, ma entrambi gli occhi sulla provenienza illecita) e ormai sempre più spesso da sponsor commerciali. Quest’anno però un vincitore conquisterà il titolo, ma non ci sarà retrocessione: a causa dell’incendio che ha distrutto parte della “Cidade do Samba”, tre delle scuole più famose (Grande Rio, Portela e Uniao da Ilha) hanno perso a un mese dalla sfilata tutti i carri allegorici e i costumi. Grazie alla solidarietà di tutta la città, che si è mobilitata per aiutarle, potranno sfilare, anche se in tono un po’ minore, ma non riceveranno voti, come le altre.

A seguire la sfilata e la rivalità 70 mila spettatori nel Sambodromo, ai quali si aggiungono gli 800 mila turisti giunti a Rio quest’anno per festeggiare per strada e nei locali, bar e night della città, e i 200 milioni di telespettatori della trasmissione in mondovisione.

da Ansa.it

Rispondi